Cerca una ricetta o un ingrediente

Caricamento in corso...

lunedì 27 luglio 2015

Pastel (pan) de elote con rajas de chile poblano y queso

Oggi pubblico finalmente la ricetta di un pane (o tortino per rendere meglio l'idea) che provai per la prima volta molti anni fa durante una delle mie prime fughe in Messico. Il pan de elote (o pastel de elote) esiste in varie versioni, con o senza peperoncino, con o senza formaggio, con entrambi, senza entrambi, con il peperoncino servito sopra o nell'impasto. La mia preferita rimane quella con formaggio e peperoncino nell'impasto che pertanto prende il nome di pastel de elote con rajas de chile poblano y queso.

pan de elote con rajas de chile poblano y queso
Inoltre tra le varie versioni che ho provato nel corso del tempo, quella che mi piace di più è quella senza vaniglia e non esageratamente dolce, ma ognuno poi è libero di aumentare o diminuire le dosi o aggiungere ciò che desidera.
La ricetta a cui ho fatto riferimento è della signora Lupita modificandone un po' le dosi.




Procedimento:
Per quanto riguarda il mais ci sono due strade possibili per realizzare questa ricetta qui dove in genere non si trova mais fresco di tipo non dolce: comprare mais essiccato e ammollarlo oppure usare il mais dolce e ridurre la quantità di zucchero. Ho scelto la prima strada utilizzando il mais chulpe che ho trovato in un negozio etnico.
Il mais va messo in ammollo per almeno 24 ore.
Frullate il mais con il latte, brevemente, non deve risultare una crema perfettamente liscia, bensì abbastanza grossolana. Sbattete i tuorli insieme a sale, pepe, zucchero e lievito (se fate la versione con vaniglia aggiungete anche quella). Sciogliete il burro e unitelo al mais frullato. Unite la farina, poi i tuorli sbattuti al mais frullato, infine montate le chiare a neve ferma. Unite delicatamente le chiare mescolando lentamente. Imburrate una tortiera o casseruola e spolverizzate con pane grattugiato. Versate il composto e unite il formaggio tagliato a dadini e i peperoncini tagliati a strisce.



Ho usato i peperoncini "poblani" che si trovano in latta.


In mancanza di questi potreste ottenere qualcosa di vagamente somigliante usando i peperoni verdi tipo "corno", avendo l'accortezza di abbrustolirli sulla fiamma prima e togliendo la cuticola bruciata dopo averli lasciati "sudare" dentro a un sacchetto di plastica per 10 minuti. Il peperoncino poblano può essere blandamente piccante o piccante, per cui bisognerebbe anche aggiungere un peperoncino verde piccante per avvicinarsi ulteriormente al gusto originale. Anche il peperoncino va eventualmente scottato e tagliato a strisce sottili prima di usarlo.


Infornate per circa 40 minuti a 180 gradi.



Il pan de elote si può mangiare sia tiepido che freddo, io lo prediligo tiepido.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...