Cerca una ricetta o un ingrediente

giovedì 31 ottobre 2013

Torta paradiso-può-attendere

Il confine tra la vera torta paradiso e la torta sabbiosa è assai labile, per cui stavolta ho deciso di non fare né l'una, né l'altra, ma una specie di via di mezzo. Non si possono fare sempre le stesse cose!
O forse sì.

pastel "el paraíso puede esperar tantito" :-D

Sia come sia, a me il risultato è piaciuto molto e poi è di una facilità estrema, non c'è nemmeno il calvario degli albumi montati da inglobare, per cui la consiglio a chi dispone di una impastatrice o di un robot da cucina. Forse c'è meno poesia ma il risultato non mi ha assolutamente deluso, anzi, per cui bando alle ciance!
È una torta senza lievito, non ce n'è bisogno, la presenza delle uova e la montatura degli ingredienti funzionano egregiamente quindi non si avvertirà quella sensazione leggermente astringente dovuta di solito alla presenza del bicarbonato o del lievito chimico.
Se al posto della farina di mais userete l'equivalente peso di farina di grano, vi avvicinerete ulteriormente alla torta paradiso classica, seppure con dosi leggermente differenti.

Ingredienti:
225g burro
200g zucchero a velo
150g fecola di patate
75g farina tipo 00
75g farina di mais tipo fioretto
4 uova grandi (circa 240g)
due cucchiai di Cointreau o limoncello oppure scorza di limone grattugiata
una presa di sale

Procedimento:
sbattete energicamente il burro a temperatura ambiente con lo zucchero a velo e il sale, deve risultare spumoso.  Unite la fecola, quindi le farine e infine le uova intere, miscelando per bene.

la masa final se presenta bastante densa
Imburrate e infarinate con farina di mais uno stampo apribile di 20cm.
hay que allanarla con la ayuda de una espátula
Infornate per 45-50 minuti a 170 gradi circa saggiando con uno stecchino per accertarvi della avvenuta cottura al centro.

el pastel saliendo del horno
Quando sarà raffreddata, giratela se la volete che la superficie abbia un aspetto completamente piano.
el pastel volteado para que resulte plano
Spolveratela con zucchero a velo.

el pastel con su capíta de azúcar glas

listo para comer!
Questo tipo di torta per me è sempre meglio se consumato a partire dal giorno dopo. Si conserva bene sotto una campana di vetro, Ikea courtesy ;-)

8 commenti:

Mely ha detto...

Yo quiero!

Byte64 ha detto...

Tu sí me entiendes Mely!

Un abrazo
Tlaz

moscom ha detto...

Come ti si può contattare? Non trovo alcun tuo riferimento ne mail.

Byte64 ha detto...

cflav chiocciola tin.it

moscom ha detto...

Grazie.

Camilla Grosoli ha detto...

Ottima torta, veloce la preparazione, squisito il risultato. l'ho assaggiata appena sfornata, domani sarà ancora meglio. Grazie per l'ennesima volta

Byte64 ha detto...

Grande Camilla,
ormai sei diventata la mia "peer-reviewer" di riferimento.
:-D

Camilla Grosoli ha detto...

Magari !!! sei tu che pubblichi delle ricette superlative !!!!!!!!!!!!!!! grazie mille

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...