Cerca una ricetta o un ingrediente

domenica 19 dicembre 2010

Metti un giorno le ciambelline a colazione

Non so a casa vostra, ma a casa mia ogni tanto qualche famigerata "merendina" capita che venga acquistata. Poca roba, parliamo di una volta al mese, ma non tanto per questioni ideologiche, quanto per evidente abbondanza di alternative :-D

Siccome però certe merendine, non c'è nulla da fare, ci piacciono proprio, può nascere legittimamente il desiderio di creare delle imitazioni caserecce. Curiosamente la famigerata merendina sembra essere uno dei fattori unificanti di tanti popoli del mondo e la classica ciambellina con lo zucchero a velo probabilmente conta più imitazioni della settimana enigmistica e delle tagliatelle al ragù. Per cui se in Italia ci sono le ciambelline Mister Day e una miriade di altre versioni semi industriali, in Spagna ci sono las rosquillas Bimbo, che in Messico diventano donitas Bimbo.

Se una cosa subisce tante imitazioni, dev'essere perché piace proprio a tutti o quasi.
Insomma, confesso che m'era venuta voglia di far colazione con queste ciambelline delicate e tra i vari modi in cui si possono preparare, perché ne esiste più d'uno, ho pensato di adoperare la ricetta di ciambella allo yogurt della mia amica Valentina, che me ne fece dono qualche settimana fa.
Il pregio principale della ciambella allo yogurt è nella sua piacevole umidità e spugnosità, oltre che nel gusto delicato. L'unica variante rispetto alla ricetta di Valentina è l'utilizzo di yogurt alla vaniglia anziché neutro.

Ingredienti per 10-12 ciambelline alla vaniglia spugnose:
1 vasetto di yogurt alla vaniglia
1 vasetto di zucchero semolato
1 vasetto di olio di mais
3 vasetti di farina
3 uova
una bustina di lievito vanigliato (16g circa)
la scorza di mezzo limone grattugiata
un pizzico di sale
zucchero a velo per decorare

Procedimento:
con il vasetto dello yogurt a fare da misurino, si mescolano tutti gli ingredienti nell'impastatrice o anche nel robot da cucina. Si imburrano e infarinano gli stampini e poi si versa il composto non oltre la metà del recipiente perché il volume è destinato a raddoppiare.

Si cuociono in forno a 180 gradi (o qualcosa in meno) per circa 30 minuti. Con sei stampini ho dovuto fare due turni di cottura, svuotando e ripetendo l'operazione di infarinatura, per cui varrebbe la pena avere 10 o 12 stampini per cuocerli tutti in un'unica volta. Ho usato degli stampini di alluminio che mi son costati una mezza fortuna, spero che Babbo Natale me ne porti altri sei...

Prima di sformare le ciambelline, conviene attendere qualche minuto, se no si rischia di romperle. Con l'aiuto di un coltello staccate delicatamente le ciambelline dalle pareti se ce ne fosse bisogno, di solito è la parte centrale la più soggetta ad attaccamenti.

Quando le ciambelline saranno fredde o magari prima di consumarle, cospargerle di zucchero a velo. Si conservano bene per qualche giorno in un contenitore chiuso.

E buona colazione a tutti!

Aggiornamento: ho fatto anche una variazione di queste ciambelline usando yogurt al cocco e sostituendo un vasetto di farina con uno di amido di mais:


Ingredienti per 10-12 ciambelline al cocco (leggermente meno spugnose):

1 vasetto di yogurt al cocco
1 vasetto di zucchero semolato
1 vasetto di olio di mais
1 vasetto di amido di mais (maizena)
2 vasetti di farina
3 uova
una bustina di lievito vanigliato (16g circa)
un pizzico di sale

per la glassa: 200g zucchero a velo
1 chiara d'uovo
il succo di mezzo limone
un cucchiaio di cocco grattugiato

Procedimento:
il procedimento è identico a quello sopra, ovviamente si aggiunge la glassa quando le ciambelline si sono raffreddate. Per fare la glassa bisogna prendere una chiara d'uovo e montarla quasi a neve. Non è necessario che diventi dura, basta che sia bella spumosa. A quel punto si aggiunge lo zucchero a velo e il succo di limone un po' alla volta, controllando la fluidità del composto.


Dovrebbe rimanere abbastanza fluida da poterla colare sopra le ciambelline, una densità come quella del miele diciamo. Il cocco grattugiato si può aggiungere alla glassa direttamente o spolverizzare sopra, come ho fatto io.

21 commenti:

Titty ha detto...

Che meraviglia!!! Durante le feste di Natale mi diletterò anch'io a "colazionare" con queste ciambelle!!

Byte64 ha detto...

Ottima idea Titty, vedrai che non te ne penti!
Il brutto di 'ste ciambelline è che son buone e si fanno alla svelta, una combinazione... disastrosa ;-)

A presto!
Tlaz

Titty ha detto...

Beh Tlaz, disastroso ma ... fantastico!!! ;) Mi metto subito a impastare! Compllimenti per il blog, troppo leccornioso!! Questo è il link del mio se vuoi darci un'occhiatina, ho iniziato da poco a tenerlo: http://bonappetitty.blogspot.com/
Buona giornata ciambellosa!!

sempreSibbì ha detto...

brutto monello, non ti vedo da una vita!!!!!!!!!!!!!!! Dove sarai in questi giorni?

giulia pignatelli ha detto...

bellissimo e quasi poetico il tuo blog, complimenti ;)

Milena ha detto...

Que maravillosa receta, soy rehacia a comer donuts porque en su mayoría son fritos, los tuyos me parecen deliciosos.. lo malo es que no tengo esos moldes, servirá el de bizcocho??..jejjejej sería un donuts tamaño familiar..
Le diré a tu papá noel que me deje otros 12 por acá por las Palmas :)
Un besototote tlaz!

Byte64 ha detto...

Sibbì, sono recluso a preparare manicaretti con le mie manone pelose!

:-D

Byte64 ha detto...

Benvenuta Giulia e grazie!
Poetico nel senso greco del termine, mi piace molto creare piatti nuovi o almeno credere ingenuamente che siano tali...

Mi piace scrivere, anche se non sempre l'ispirazione m'assiste e, ahimè, quando rileggo i miei scritti di qualche anno fa provo sempre la spiacevole sensazione che invecchiando soprattutto ci si rincoglionisca, altro che maturazione!

:-)

Byte64 ha detto...

Milena,
tienes que hablar con Santa Klaus en cuanto puedas y, si lo logras, con tu siquiatra de confianza, claro :-D

Fíjese Usted que la receta original es para hacer una rosca de tamaño mediano, así que puedes hacerlo sin problemas con el molde que prefieras tu.

Hace dos días hice una pequeña variación sobre el tema, rosquitas glaseadas con yogur al coco y salieron muy bien.

Un besotototote navideño con esferas y todo lo demás!

Eli ha detto...

Tlaz, se antojan de veras! se ven tan esponjaditas, solo que hiciste que me viniera antojo de donitas bimbo y ya de paso de tooooddooos los productos de la Tia Rosa, con un rico chocolatito caliente!
En fin, se acercan dias extra dulces, asi que no podremos quejarnos.
Feliz navidad, Auguri! y que sigas deleitàndonos el 2011 con todas tus delicias culinarias! Un abrazo.
Eli

Byte64 ha detto...

Gracias Eli,
tines razón, la combinación con chocolate Mayordomo caliente sería perfecta.
Acaban de llegarme dos magníficos libros de cocina mexicana, el historico "Nuevo Cocinero Mexicano" de 1888 y "Oaxaca al gusto", de Diana Kennedy, con unas fotos preciosas, voy a tratar de escribir algo sobre ellos y sacar sabrosas recetas, ya vi muchas que se me antojan!

Feliz Navidad y seguimos degustando la comida mexicana o la que sea :-D

Tlaz

Gabriela, clavo y canela ha detto...

Que divinos se ven! y esos moldecitos!
Paso a desearte muy feliz navidad!
un abrazo
Gaby

carmen ha detto...

Ciao ti auguro un buon Natale, insieme a tutta la tua famiglia, ho da poco lasciato la neve di Milano, per ritrovare i profumi e i sapori del Natale napoletano con tutti i prodotti tipici della mia zona, spero di avere tempo in questi giorni per replicare le tue ciambelle un bacio

Byte64 ha detto...

Gaby,
gracias por pasar, llevo unos días de locura total entre regalos gastronómicos y cocinar (y comer por supuesto!).

Te mando un abrazo, preciosa!
Tlaz

Byte64 ha detto...

Grazie Carmen,
ricambio volentieri e perfino t'invidio ché tra i sapori partenopei ci sono i roccocò che adoro.

Un abbraccio natalizio!
Tlaz

Juana ha detto...

Son lindas tus rosquillas!!!, te deseo que los reyes magos te traigan unos moldes más!!, es verdad que a veces son necesarios!! :)
Me alegro de verte, hacia tiempo que no podia pasar por tu blog y veo que sigues haciendo delicias!!
Feliz navidad!!!! y besos!!

Andrea Salati ha detto...

Caro Thorz (o Panigotto?) è sempre un piacere leggere delle tue creazioni. Quest'ultima mi ispira a cimentarmi, magari con l'aiuto delle figlie (anche per tenerle un po' occupate in questi giorni di vacanza).

Tu dirai "Me ne cale assai"...

Byte64 ha detto...

Gracias Juana,
pues aquí estamos y seguimos cocinando, mexicano, italiano o lo que sea, no me queda de otra :-)

Hasta cuando quieras!

Tlaz

Byte64 ha detto...

Olá mio ulcerato,
fai molto bene a cimentarti, son sicuro che in gringolandia questi stampini si troveranno alla metà del prezzo italiano, as usual...
Una volta s'andava in fiera a comprare queste cose per risparmiare, adesso, tranne eccezioni, per andare in fiera bisogna prima richiedere un mutuo.

Se li trovi a poco, mettiamo su un commercio parallelo di stampini per ciambelline.

Andrea Salati ha detto...

Spregiatore, l'indagine presso 4 negozi qui in zona (Wal*Mart, Target, Publix e Dollar General) non ha dato frutti. Pertanto ho agito di eBay... con un dollaro l'uno si comprano "d'epoca", in alluminio. Comperandone una dozzina si spende anche meno.
Ne ho già presi 8 e ne ho 12 in canna... se sei a piedi te ne mando finché vuoi, ti seppellisco.

Quindi per oggi abbiamo prodotto, con la tua ricetta, non delle ciambelle da delle specie di muffin. Ci perdonerai...

Byte64 ha detto...

Amiamo et perdoniamo!

Spronato dal tuo commento ho cercato pure io su ebay ma ho trovato solo uno spacciatore di formine per savarin che ne vende 50 pezzi per volta, non esageriamo eh, ancora non mi sono dato alla pasticceria su scala industriale.

At salut!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...