Cerca una ricetta o un ingrediente

sabato 19 febbraio 2011

Quesadillas salvadoreñas

Tempo fa mi ripromisi di cercare la ricetta di un dolcetto che scoprii l'ultima volta in cui andai a San Francisco, la quesadilla salvadoreña, peccato che come accade tante volte, ci si dimentica dei buoni propositi finché qualcosa o qualcuno non ce li fa tornare in mente.


Ricordo queste quesadillas dal colore giallo chiaro in una panaderia mexicana in compagnia di conchas, campechanas, banderillas e altre delizie messicane. Siccome in Messico non le avevo mai viste, chiesi al gestore cosa fossero e lui mi spiegò che erano una specialità del Salvador e a San Francisco, oltre ai messicani, ci sono anche tanti salvadoregni.

Mentre curiosavo nelle statistiche di tlazolcalli, ho ri-scoperto quella ricetta dimenticata nei meandri di internet in virtù del commento che lasciai un anno e mezzo fa e mi sono deciso finalmente a provare questa curiosa ricetta in cui tra l'altro mi consigliavano di usare il parmigiano come formaggio.

E così ho fatto, un accostamento decisamente bizzarro quello dello zucchero di canna al parmigiano, che però non deve stupire più di tanto, in fondo una delle maniere più ghiotte di gustare il parmigiano è col miele di zagare, come mi fece scoprire mia cugina a suo tempo.

Siccome non avevo in casa la panna, l'ho sostituita con dose equivalente di burro e latte, da cui nacque la disquisizione matematica che descrissi precedentemente.

Ingredienti:
2 uova
400ml di latte (se avete la panna, mettete 250ml di latte e 250ml di panna)
300g di zucchero di canna (1 tazza e mezza)
60g di parmigiano reggiano grattugiato (mezza tazza)
320g di farina tipo 00 (2 tazze)
125g di burro fuso (se avete la panna, mettete solo 75g)
1 bustina di lievito per torte salate (non vanigliato)
sesamo tostato q.b.

Procedimento:
mescolare nel frullatore uova, latte, panna, zucchero, formaggio e burro fuso. Unire successivamente la farina e per ultimo il lievito.

Imburrare e infarinare lo stampo o gli stampi. Si può fare sia una quesadilla grande oppure tante piccole negli stampini di carta, avendo l'accortezza di non versare il composto oltre la metà del bordo perché tende ad aumentare di volume in cottura.
Infornare a 170-180 gradi per circa 30-35 minuti.

Quelle che vedete in queste foto le ho cotte nel forno a legna.

Rispetto all'originale, le mie probabilmente sono più basse, quindi si sono anche cotte di più, purtroppo non avevo scelta perché mi mancavano gli stampini più alti. Ho anche qualche dubbio su quanto pesi "la barrita de mantequilla". Sono andato per supposizioni perché mi ricordavo che in Messico il burro viene venduto in confezioni piccole, da 100 o 125g, comunque sia la quesadilla salvadoreña è piaciuta a tutti in famiglia.
Esiste anche la variante guatemalteca dove mi dicono che si usa la farina di riso anziché di grano.
Proveremo!

PS: ho recentemente scoperto che la famosa barrita de mantequilla pesa 90g.

7 commenti:

Mexico in my kitchen ha detto...

Que crees Flavio, vivo en una comunidad donde el 90% de los Latinos son Salvadorenos. Los Mexicanos somos raros por estas regiones. Asi que las tiendas latinas estan llenas de productos enfocados a esa comunidad Salvadorena. Junto a las cajas registradoras donde pagas tu mercancia siempre tienen estos panecillos, nunca los habia probado. Pero un dia mientras hacia mi democrativa cola-fila para pagar una senora de Korea me dijo que ella solo hiba a comprar esos panecitos que estaban bien ricos. Asi que el Sabado pasado compre uno. Tantos anios viviendo aqui y nunca los habia probado. Saben como a los panques hechos de nata de leche de Mexico. Muy ricos. De lo que me estaba perdiendo.

Saludos!

Byte64 ha detto...

Mely,
un día tendré que hacer panques, tengo varias recetas, los que me encantaban eran los panques de elote calientitos con tantito rompope encima o chocolate.

Me di cuenta de que había muchos salvadoreños en San Francisco porque platicando con latinos cada vez en que me sonaba raro el acento, siempre se trataba de alguien de Salvador, jeje.

Ciao!

Paola ha detto...

molto particolare questa ricetta. mi incuriosisce molto l'utilizzo del parmigiano in un dolce.

Byte64 ha detto...

Paola,
ero scettico, ma viene molto buono!
Comunque nulla vieta di usare un formaggio dal sapore meno intenso, pensavo ad esempio ad un cacio-ricotta di quelli da grattugiare.

Ciao!

Stella Aleo ha detto...

A me questa ricetta me l'ha data una del Salvador ed è diversa come formaggi mi ha detto di mettere ricotta e quartirolo

Stella Aleo ha detto...

La mia è 400g di quartirolo,200g di ricotta,400g di farina di riso,2 buste di lievito,2 buste di vanillina,3 uova, 400g di zucchero, 2confezioni piccole di panna,un pò di cannella, un pizzico di sale e poi il sesamo sopra.

Byte64 ha detto...

Come in tanti altri casi probabilmente esistono ennemila versioni di quesadilla salvadoreña, io presi la ricetta da un sito salvadoreño (purtroppo ora il link porta ad una pagina dove non si vede la ricetta), ma ricordo che consigliavano di usare un formaggio stagionato e saporito.
Però si può certamente provare con formaggi più neutri.

Ciao e grazie per il tuo commento.
Tlaz

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...