Cerca una ricetta o un ingrediente

mercoledì 17 giugno 2009

Ranch market ovvero il mercato messicano di Phoenix

Oggi le zie d'America hanno mantenuto la loro promessa e ci hanno portato al Ranch Market, il "mercato messicano" di Phoenix, Arizona.


Questo è uno dei vantaggi di essere turista anomalo, si possono visitare posti che difficilmente fanno parte dei tragitti turistici normali.
Pensavo fosse un supermercato specializzato e invece sembrava quasi di essere al mercato di Coyoacán o a quello di Guanajuato, un luogo pazzesco, per me sublime, dove c'è (quasi) tutto quel che un innamorato della cucina messicana di strada può sognare di trovare.

All'ingresso veniamo subito folgorati dai profumi della panadería:
conchas, cuernitos, bolillos, teleras, cubiletes, bisquets, empanadas, orejas, banderillas, chilindrinas, ecc.



C'è il chiosco della frutta, con le imperdibili aguas de fruta fresca, di melone, anguria, mango, papaya, ananas, horchata, jamaica, banana e frutta fresca a volontà.
C'è una tortilleria vera, dove fanno tortillas di mais fresco, cioè di masa, non di maseca come siamo costretti a fare noi...

Varie taquerias, per tutti i gusti, mariscos, carne asada al carbòn, guisados, ecc.

Naturalmente non mancava il vero chicharròn, appena fritto, con tutto il corredo di carnitas, ossia le parti meno nobili del maiale fritte nello strutto, una vera delizia, a cui non abbiamo potuto resistere.


Poi assaggi gratuiti di formaggi, salse, insomma, l'eldorado del messicano naturalizzato nostalgico, come mi sento io, se già non fosse chiaro.


E naturalmente anche il supermercato con tanti chiles, frutta e verdura tipiche e prodotti inscatolati di ogni genere.

Tamarindo fresco e piloncillo, nella foto sopra.
Stecche di cannella a volontà.

Perfino gli introvabili huazontles o huauzontles, cioè i germogli freschi di amaranto.
Insomma, dopo aver fatto incetta delle cose trasportabili in valigia, ci siamo seduti nei tavoli del "self-service" alla messicana, a prepararci i tacos personalmente.

Taco de chicharrón con salsa verde, cilantro y cebolla (foto sopra).

Taco de carnitas, con frijoles refritos y salsa taquera roja (foto sopra).

Taco de buche, l'esofago del maiale (foto sopra).

Chicharrón con salsa, uno dei cibi di strada piú comuni.

Limoni verdi messicani, grandi come una noce, ma molto sugosi.

Selezione di birre messicane: Cerveza Sol, Bohemia, Dos Equis, Tecate, Modelo Especial, Negra Modelo, Pacifico y Corona.

Il reparto macelleria con la cecina de res (foto sopra), che si prepara al barbecue o alla piastra, sia al naturale sia nella versione enchilada.

La testa di mucca intera in offerta... (uno, due, tre, cheese!). Questa ignoro come si cuocia.

Le tipiche bibite messicane alla frutta.

Inspiegabilmente mi sono dimenticato di fotografare il chiosco dei succhi di frutta, la tortilleria e ho scattato una foto inguardabile al reparto peperoncini.

Toccherà di tornare al ranch market per rimediare.

11 commenti:

Raquetita30 ha detto...

Hola Paisano!!!
ya llegue de donde andaba!!! y veo que tambien tu andas de pata de perro!!...bien hecho!!!!
ya te contare mis aventuras... mientras tanto trato de ponerme al dia con tus noticias, aunque no he podido leer todo lo que publicaste durante mi ausencia...pero ahi la llevo...
lo que si me lei todito es este post y el de los almuerzos..ke rico!!
Mis respetos Paisano, tu si que no dejas una viva!! Asi se hace!

Lo de la cabeza de vaca...en mi pueblo se cocina en barbacoa... en a del pozo de verdad...
feliz viaje...
que bonito es Mexico!!! aunque tu andes en la parte gringa de Mexico... ahaha

Laura ha detto...

Grazie per aver condiviso con noi.
Buona permanenza e divertiti.
Ciao

Mely (mimk) ha detto...

Me imagino que parecias niño en jugeteria, Tlaz. Que gusto que hayas podido disfrutar todo lo mexicano.
y
Muy buen comentario de rauqetita30.
Que andas en la parte gringa de Mexico. Asi me siento cuando voy a los supermercados Mexicanos.

Saludos,

Mel

Byte64 ha detto...

Raquelita, que bueno que regresaste por fin!
Me vas a contar TODO, debes tener mucho que platicar con todo lo que está pasando ahi donde fuiste.
Gracias por la receta de la cabeza de vaca ;-) ya mero voy a comprar dos o tres... :-D

Byte64 ha detto...

Laura,
ti prendo in parola e rimango fino al 29, mi sposto solo un po' più a nord!

Grazie per la visita
Tlaz

Byte64 ha detto...

Mely,
la verdad es que yo non quería salir de ahí, me agarraron a fuerza...

Hasta prontito o cuando tenga listo mi próximo articulo, ya tengo las fotos pero me falta el tiempo para escribir mas.

Tlaz

carmen ha detto...

Però vista nella sua patria la cucina messicana ha colori fantastici, e le cose che hai fotografato devono essere anche molto buone, hai stuzzicato la mia fantasia, magari il prossimo viaggio lo prenoto per il Messico, però come dici tu sarebbe bello percorrere rotte diverse da quelle destinate ai turisti "normali" un nbacio e buon divertimento

Byte64 ha detto...

Carmen,
mi sembra un'ottima scelta.
Ci sono un sacco di itinerari possibili, ti consiglio di leggere il blog di Andrea, da cui potrari trarre tanti spunti d'ispirazione.

Ciao!
Tlaz

VINCENT ha detto...

Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
farsi conoscere.

Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
nella barra in alto.

Ti inviamo i nostri migliori saluti

Vincent
Petitchef.com

ivana ha detto...

Wow!!!
Ora mi devo studiare bene anche questa cucina...mannaggia è tutto sempre così interessante, quello che mostri...e io ormai ho meno energie del solito, per affrontare questa immersione!
Ma sono felice per te, che puoi godere di cose che ti piacciono, e vedo con che entusiasmo e competenza!
Grazie Fl.!!Ciao!

Byte64 ha detto...

Ivana,
devi convincere il signor G. a fare una gita "fuori porta", dalle parti di Tulum e magari tra gennaio e febbrario, quando dalle nostre parti si gela e là invece fa una temperatura ideale. 10 giorni di relax assoluto e tra l'altro, di questi tempi, pure economicamente conveniente, con l'euro quasi a 19 pesos.

Ciao!
Tlaz

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...