Cerca una ricetta o un ingrediente

lunedì 3 agosto 2009

Paccheri al pesto di prezzemolo e pistacchio

Prendendo spunto da una ricetta ligure, quella del pesto di prezzemolo e noci, mi sono preso la libertà di sostituire le noci con i pistacchi e le acciughe salate con quelle sottolio, più per necessità che per deliberata scelta.


Ingredienti x 4:
400g di paccheri
100g di prezzemolo fresco pesato prima di pulirlo
75g di pistacchi di Bronte
4 filetti di acciuga sottolio
5+2 cucchiai di olio extravergine ligure (5 per il pesto, 2 per condire dopo)
2 spicchi d'aglio
sale grosso q.b.

Procedimento:
lavare il prezzemolo, asciugarlo e pulirlo tenendo solo la parte con le foglie, togliendo la maggior parte del gambo. L'ideale è usare prezzemolo appena colto, di dimensioni normali e non ipertrofico come quello che si trova al supermercato che a volte tende ad avere una sfumatura amara. Se mettete due vasi di prezzemolo sul balcone, ne avrete più che a sufficienza e sarà sicuramente "bio". Tritatelo sommariamente poi mettetelo nel mortaio assieme ai pistacchi, a due spicchi d'aglio pelati, alle acciughe e ad un pizzicone di sale grosso. Poco dopo aggiungete i cinque cucchiai d'olio.
Da qui in avanti si tratta di pestare per 15-20 minuti con tutta la pazienza del caso, fino ad ottenere una salsa abbastanza fine.


Al momento di condire la pasta potete aggiungere un po' di olio nel caso il pesto sia troppo asciutto.
L'abbinamento tra prezzemolo e pistacchio, oltre a risultare di un colore verde assai invitante, mi sembra molto indovinato.

12 commenti:

ivana ha detto...

Complimenti Fl.!

Un pesto che mi entusiasma...col prezzemolo e niente formaggio è la nostra versione contadina di tempi remoti!!!!
Ho proprio una bracciata di prezzemolo fresco dall'orto che non sapevo più come consumare, e mi hai dato l'idea!!!
(niente pistacchi, però...lo so...a te piace molto la frutta secca, scusami!!!!)

Buona giornata!!!!

Byte64 ha detto...

In realtà a me piacciono molto i pistacchi, i pinoli e le mandorle, le nocciole le uso raramente e le noci ancora meno.
Il pistacchio (non salato) qui da una sfumatura dolcina al pesto e gli da un po' di consistenza.
I pesti a base di prezzemolo mi piacciono molto, c'è un altro condimento che facciamo spesso dove il prezzemolo la fa da protagonista la cui ricetta non ho ancora messo inspiegabilmente!
Provvederò quanto prima.

Ciao!

Anonimo ha detto...

Scusami l'intromisione... :-)
Dispongo di una certa quantità di prezzemolo nel mio piccolissimo orto... Il pesto di prezzemolo, che tu sappia, è conservabile come quello di basilico?
Conosci un modo (non troppo complicato...) per fare salsine di prezzemolo conservabili per l'inverno?

Grazie in ogni caso :-)

Byte64 ha detto...

Devo ammettere la mia ignoranza in materia di conserve, sarà perché questo genere di salsine io preferisco fare il "sacrificio" di consumarle subito.
I vari pesti si conservano per qualche giorno in frigo, ma temo perdano molto della loro fragranza col passare del tempo.
In effetti il pesto col basilico ad esempio lo mangiamo solo quando è periodo di basilico, a meno di comprare basilico fresco al supermercato.
Insomma, a me non dispiace la stagionalità di certe ricette.

Ciao!

Mely (mimk) ha detto...

Muy bueno el pesto, oye FLavio no has tratado de hacer pasta con pesto de pipian, Con semillas de calabaza y chiles poblano o pimineto verde si no encuentras poblanos. Sabe muy bueno.

Estoy juntando las flores de mis plantas de calabaza para hacerme unas quesadillas como las que hicistes hace unas semanas, Mis plantas de calabaza no tienen ninguna calabacita solo flores asi que no me queda mas remedio que cosechar las flores. Las estoy guardando al vacio para que las pueda comer.

Saludos!

Byte64 ha detto...

Mely,
nunca he probado, quizas porque es tan latoso el proceso de quitar la cascara de las pepitas y tan poquitos los chiles poblanos que logro cosechar, que cuando tengo los dos, nomas se me antoja hacer mis dos platillos preferidos sin concederme el lujo de experimentar nuevas recetas o combinaciones.

Ten cuidado con esas florecitas de calabaza, que no se te echen a perder.

Hasta pronto Mely!

NORA ha detto...

Flavio, Esta receta es muy sencilla y se ve apetitosa, como para cenar algo rico y no complicado.

Yo sí he probado el pesto con poblano y pepita de calabaza que dice Mely. No necesitas muchos chiles, pero entiendo lo que dices.

Prueba sofreir, tocino picado hasta que se ponga dorado, chiles de arbol enteros,que se doren, cebolla, ajo y tomate rojo picados, forma una salsa y agrega pasta al gusto. Encima de todo albahaca picada, revuelve.
Queso parmesano para rematar, si quieres

Nada que ver con los poblanos pero si tienes chiles de arbol secos, te la recomiendo.

CIAO!

Byte64 ha detto...

Jejeje, esa salsa la conozco, aquí se llama "amatriciana", aunque la amatriciana llevaría un corte del puerco que le dicen "guanciale" y que se parece al tocino pero se encuentra cerca de las mandíbulas, quien sabe como se llama en México.

La receta original no lleva albahaca pero claro que, si a uno le gusta, se lo puede poner. El queso recomendado seria el pecorino di Amatrice.

Un día voy a poner la receta tradicional...

Ciao!

NORA ha detto...

Si! por favor Flavio y qué bueno que me dices el nombre porque no lo sabía solo se que es deliciosa y es un clásico en mi familia

Gracias Flavio!


jaja palabra verificadora bessoili!

Bessso

Strega ha detto...

Hola Zio!
Acabamos de terminar de comer la pasta con el pesto de pistache. Esta delicosa! A mi madre le encanto tambien. Bravissimo zio!

Raquel ha detto...

Cuñado,
Que ricura. La cantidad de cada ingrediente es perfecta para dar un sabor delicado y exquicito. En verdad la disfrute mucho.

Byte64 ha detto...

Miren nada mas, toda la sagrada familia!
Me alegra mucho que les haya gustado, es una de mis pastas favoritas y se puede hacer en cualquier rincón del mundo como no tiene ingredientes demasiados sofisticados.
Un abrazo queridas profugas!
:-D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...