Cerca una ricetta o un ingrediente

domenica 1 febbraio 2009

Pollo Tizatlan

Per la saga del pollo alla messicana oggi presento una piatto delizioso che più messicano di così non si può: il pollo Tizatlan.
Ho scoperta questa ricetta dopo aver sfogliato in lungo e in largo un sito con parecchie ricette succulente compilate da Karen Hursh Graber, una signora che scrive libri di cucina per professione e che evidentemente ha preferito la provincia messicana ai grattacieli di New York.

Pollo Tizatlán, con amaranto y papas
Secondo quanto scrive Karen, questa ricetta le è stata confidata dalla señora Reyes, superlativa cuoca del ristorante "Las cazuelas" di Tlaxcala, una antica città-stato che giocò un ruolo chiave durante la conquista del Messico. Tizatlan è il nome di una località nei dintorni della città.
La ricetta mi ha ispirato appena l'ho letta, forse per via degli ingredienti che adoro incondizionatamente: l'amaranto e il chile chipotle adobado.

Semillas de amaranto
Scovare l'amaranto non è stato facilissimo, l'altro giorno, se foste stati nei paraggi, forse avreste scorto un pazzo forsennato correre da una parte all'altra della città in bicicletta, alla vana ricerca del prezioso cereale. Alla fine sono riuscito a scovarlo in un supermercato Naturasì, di provenienza peruviana. L'amaranto è un cereale assai nutriente, coltivato da secoli in Messico, ma noto anche ai greci ed infatti amaranto è una parola greca. In nahuatl si chiama huahtli e una delle prelibatezze che si possono degustare in qualche buon ristorante di Città del Messico sono i huauzontles o huazontles (la cui foto sta circa a metà della rassegna sulla cucina tradizionale messicana) i germogli delle piante di amaranto, impanati assieme a formaggio oaxaca e fritti, ricoperti di salsa verde o rossa.
Quando li vedo sul menu, rinuncio a qualsiasi altra cosa.

El amaranto después de reventarlo en el comal

Ingredienti:
un kg circa di carne di pollo a pezzi
una scatola di pelati da 400g
due spicchi d'aglio
mezza cipolla piccola
un chile chipotle adobado
due chiles guajillos
un pezzetto di stecca di cannella (3cm circa)
un chiodo di garofano
una tazza piena di amaranto soffiato (circa 2 cucchiai di amaranto non cotto)
quattro patate medie
due cucchiai d'olio di mais
mezzo cucchiaino di pepe nero in grani
acqua q.b.
sale q.b.

Procedimento:
per prima cosa conviene mettere a cuocere il pollo in una padella con un cucchiaio d'olio. Fatelo soffriggere su tutti i lati per 5 minuti e poi versate acqua fino a coprire o quasi. Salate e proseguite la cottura con coperchio. In un pentolino scaldate acqua e quando arriva a bollore spegnere e mettere a bagno i due chiles guajillos privati dei semi. In un'altra pentola mettete anche a bollire le patate.
Mentre il pollo cuoce, prendere una pentola d'acciaio con il fondo spesso e metterla sul fuoco non troppo alto. Verificate se il fondo è ben caldo, spruzzando qualche goccia d'acqua che deve evaporare immediatamente. Suddividete l'amaranto in due quantità uguali e tostatene una alla volta. Dopo aver versato l'amaranto, coprite con un coperchio, dopo pochissimo dovrebbe cominciare a scoppiettare. Bisogna che la cottura avvenga abbastanza alla svelta per evitare di bruciare i semi. Può darsi che dobbiate fare qualche tentativo, io ad esempio mi sono accorto che non è una buona idea scaldare l'amaranto assieme alla pentola perché i semi tendono a bruciare senza scoppiare, mentre con la pentola già bollente, impiegano molto meno e non si bruciano. Ricavate una quantità sufficiente a riempire una tazza. Tritare sommariamente i due spicchi d'aglio e la mezza cipolletta e versarli nel frullatore assieme ai pelati, all'amaranto, al chile chipotle, ai chiles guajillos e ai grani di pepe. Se la quantità è eccessiva per la capacità del frullatore, eseguite l'operazione in due parti. Cuocere questa salsa in un tegame di coccio, aggiustando di sale e aggiungendo il brodo che intanto si è formato durante la cottura del pollo.

Cocinando el pollo tizatlán
Far sobbollire la salsa per una ventina di minuti, assaggiate e regolate il sale se necessario. Nel mentre approfittatene per pelare le patate e tagliarle a cubetti. Infine unite la salsa al pollo e proseguite la cottura per il tempo necessario a cuocere (o scaldare) un po' di tortillas di mais.
Consiglio di unire le patate direttamente nei piatti, per evitare che si spappolino.

Pollo tizatlán, para chuparse los dedos
Si tratta di un piatto molto sostanzioso che ben si presta ad essere consumato come piatto unico accompagnato da una gradevole birra messicana.

13 commenti:

190.arch ha detto...

Hey, mia madre cucina questo piatto!
Non sapevo nemmeno che avessi questo nome : )

Salutoni.

Diana

Byte64 ha detto...

A noi è piaciuto moltissimo Diana.

Con gli avanzi di amaranto soffiato ho fatto alegrias, ma voglio riprovarci perché la dose di caramello è venuta troppo scarsa.

Ciao!

carmen ha detto...

da parecchio non passavo dal tuo blog ed ho trovato delle ricette fantastiche soprattuto la torta e i panini anche il pollo sembra buonissimo ma l'amaranto che sapore ha? ciao

Byte64 ha detto...

Ciao Carmen,
grazie per essere ripassata allora!

L'amaranto ricorda un po' il riso soffiato secondo me, però è più croccante, ma la croccantezza si apprezza quando lo si usa per preparare i dolcetti. In questa ricetta invece si frulla e funziona un po' come addensante, ma il sapore si sente e a noi piace molto.

Alla prossima!

aris ha detto...

mi dichiaro tua fan tlazo la neta, voy a poner a leer a mi marido tu blog todos los dias pa que aprenda, le encanta cocinar a èl tambièn, bueno de hecho la cocina es de èl jaja, porque yo de vez en cuando meto mi cuchara le enseno y luego el hace todo. Oye que chido que usaste el amaranto mmm a mi me encanta y màs en las alegrìas con pasitas y nueces, pero tambièn sirve para empanizar sabes tambièn se puede usar en las pechugas de pollo en vez del pan molido o para hacer le spiedine bueno esos rollitos de pollo o tachino mmm buoni !!! dorados o en el honor saben riquisimos. Ijole las otras recetas me las habìa perdido pero es que estube 15 dìas en el hospital por la neumonìa tu crees :(( no era influenza lo que tenìa, seguramente... 4 meses con influenza segun mi doctora, era broncopulmoniti, pero ya toy en casa no mas que pueda subo otra receta porque tambièn resulta que se me complico con el apendice menos mal que antes de hospitalizarme en capodano me comì unas ricas enchiladas con pollito :)) un grande abrazooooooo!!!

Byte64 ha detto...

Aris,
pobrecito de tu marido, que hizo de tan grave para meterse en este predicamento? :-D

Oye, me estaba preguntando de por que no habias escrito durante varias semanas y ahora resulta que estuviste muy enferma, que lastima.

Voy a tratar de hacer mixiotes y tamales en estos dias, pero no aseguro nada eh!

Te deseo que te recuperes pronto.
Ciao!

Raquetita ha detto...

mmmmm...ke rico pollito!!!... hace rato que no pasaba por aqui...porque se me antoja todooo...y como estoy a dieta(mas bien intento hacerla!!!)... que tragedia... Que rica receta con el amaranto...fijate que yo solo me lo comia en el desayuno como cereal...ke ignorante que soy!! jajaja ...
y ke paso con los tamalitos paisano?
muchos saludos a Aris, pobrecita que se alivie!..y gracias por los tips con el amaranto..
besos...

Raquetita ha detto...

ah!!...se me olvidava...ke interesante el trabajo de la senora Karen, mil gracias por el link...me lo lei todo y aprendi un buen de cosas...a ver si logro ponerlas en practica..
saluditos..

Byte64 ha detto...

Paisana,
como que estas a dieta, te parece bien hacer dieta con todos los manjares que hay???

Estoy demorando un poco la preparación de los tamales porque hoy voy a cocinar mixiotes, ya los tengo preparados en sus bolsitas en el balcón, como todavia no me remplazaron el refri, y los voy a cocer en la noche.

Ademas quiero hacer mas alegrías con el amaranto.

Hasta pronto y gracias por pasar!

Raquetita ha detto...

ay mi madre....ke rico!!! cuanto sufroooo...jajja
entonces conseguiste los mixiotes???

Byte64 ha detto...

nein, compré bolsitas especiales para cocinar al vapor, no me dieron chance de cortar un maguey en Versilia para sacar el mixiote.
A ver como salen, estoy curioso porque la ultima vez en que comí mixiotes fue hace muchos años en Cocoyoc y me los acuerdo todavia, eran deliciosos.

Ciao!

Raquetita ha detto...

Hola Paisano...fijate que lei que si no tienes mixiotes se pueden usar las hojas de tamal...si es posible las mas grandes...

Byte64 ha detto...

Paisana,
los mixiotes salieron muy bien con las bolsitas Cuki para horno, a pesar de que tuvieron una historia muy larga como los cociné un día para otro pero resultó que mi esposa no pudo comerlos entonces los comimos dos días después y tomé solo dos fotos medio horribles entonces me tocará hacerlos otra vez por cuestiones fotográficas... :-D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...