Cerca una ricetta o un ingrediente

giovedì 19 febbraio 2009

Treccia alla crema di marroni ovvero kranz tlazzesco alle castagne

Siccome avevo voglia di rifare il kranz con la treccia d'ordinanza e non per finta come l'ultima volta, ma nel contempo avevo voglia di qualcosa con la confettura di marroni, una delle mie preferite, ho pensato bene di sintetizzare tutte queste fisime in una summa culinaria.


Non si tratta quindi di un'invenzione di sana pianta, ma di un'umile rielaborazione prendendo ispirazione a man bassa dalla ricetta consolidata, togliendo o aggiungendo qualche dettaglio.

Dosi e procedimento rimangono le stesse della volta precedente, fatto salvo l'ingresso al 10° della ripresa della confettura di marroni alias marmellata di castagne o come volete chiamarla al posto dei canditi e dell'uvetta, poco assistiti dal centrocampo e che non hanno mai creato problemi alla porta avversaria. Il gol giungeva a pochi minuti dalla fine, grazie ad un incursione su entrambe le fasce della granella di zucchero.

Dividere l'impasto in tre parti uguali, idem per la pasta sfoglia. Tirare gli strati fino ad avere più o meno la stessa dimensione.

Spalmare di crema di marroni ciascuno strato. Serviranno circa 200g se non avete la mano troppo pesante. Potete anche spezzettare qualche marron glacè se l'avete ;-)

Girare di 180 gradi gli estremi opposti, quindi mezzo giro a destra e mezzo giro a sinistra.


Cospargere di confettura di marroni le parti scoperte e poi di granella di zucchero.


Infornare per 50 minuti abbondanti a 180 gradi.

E buona colazione a tutti, è venuto una squisitezza!

9 commenti:

ariarossa ha detto...

Daiiii passamene un pezzo tlaz

Byte64 ha detto...

E voilà, una fettona di krantz per la signora Ariarossa!

Gradisce anche un cappuccino?

ariarossa ha detto...

Volentieri grazie ragazzo!

ivana ha detto...

Va be', te lo concedo...il kranz, ma come torciglione è bello riuscito!!!!
Mi hai dato l'idea, ho anch'io dei vasetti di crema di marroni, che penso proprio sia la loro fine più appropriata!!!
Complimenti!!!

Milena ha detto...

Tlaz, primero que todo quiero preguntarte si me harás feliz con una versión en Castellano?.. me equivoco o eso es lo que vi en tus blogs??.. si es así te felicito, los traductores me provocan dolor de cabeza!
Segundo, este Kranz V.2.0 te ha quedado maravilloso, el pliegue me fascinó, aunque no logro descifrar qué es lo que lleva en medio, el traductor me dice cosas incoherentes, aparte de la mermelada de castaña, lleva algo más dentro, o es simplemente otro tipo de masa?..
También por fuera me asalta la duda si lo pintas con "mermelada de café", (eso dice google).. o se refiere a la misma mermelada de castaña que usaste en el interior?.
Disculpa mi ignorancia, pero esta vez te molestaré, me ha encantado tu pan.
Un abrazo Flavio!

Byte64 ha detto...

Milena,
primero lo primero :-)
Me alegra que por fin hice algo que te encantara... :-D

El blog fantasma acabo de crearlo, a ver si mi esposa se anima a cooperar o si me tocará doble trabajo.
En finales de cuentas ella es la hispanohablante de la familia, yo nada mas tengo la ilusión de hablar castellano con algunos modismos chilangos.

Fijese usted ;-) que aunque el primer intento no saliò asì como trenza, el sabor estaba muy rico.

Adentro no tiene nada especial, como ves en las fotos cada capa se cubre con mermelada de castañas y ya. Luego se da la vuelta de 180 grados por ambos lados y se barniza (si quieres) con mas mermelada y eso hace que se caramelice por afuera.
El pliegue se ve muy bonito, a mi me encantan estos tipos de dulces donde hay dos texturas diferentes.

Oyes, encuentras mermelada de castañas por ahí? Por supuesto uno puede usar algo diferente, se me antojaba la mermelada de castañas pero también la versión 1.0 me encanta con sus uvas pasas y ralladuras de naranja confitadas.

Y si tienes mas preguntas, aquí estamos Milena.

Abrazos!
Tlaz

carmen ha detto...

non ho mai sentito parlare del Kranz, l'abbinamento pasta sfoglia e pasta brioche mai assaggiato ma a vista deve essere buonissimo, un saluto

Byte64 ha detto...

Carmen,
in effetti al mio Kranz, per essere veramente e incontrovertibilmente tale, manca la forma a corona (Kranz in tedesco).
Di versioni di kranz ne devono esistere diverse e una breve dissertazione la trovi nella pagina della prima versione. In realtà tutta la mia conoscenza di kranz si limita a quello spacciato come tale qui a Modena, dove però ad onore del vero bisogna anche dire che gli estensi erano anche mezzi austro-ungarici e quindi è legittimo pensare che si siano portati qualche ricetta appresso tramite cuochi di corte trapiantati. Io manco da troppo tempo da Vienna e quindi non saprei dirti se esista veramente un kranz come quello che fanno a Modena con sopra la glassa e dentro uvetta e canditi e impastato per metà con pasta sfoglia e metà una specie di pan brioche.
Se non ce l'hanno, non sanno che si perdono... ;-)

Carmen ha detto...

Yo iba a decir lo mismo que Milena que me tradujeras esta receta, a mí también me encantó, como me encantó tu pan de almendras y naranja completa. Y muchas muchas veces es divertido y gacho a la vez eso de venir y quedar comoa una completa analfabeta.
Buu, pásame la receta en castellano, manito.

Yo creí que llevaba enmedio pasta hojaldrada al momento de dar la torcida.
saludos.
´p.d. dice la palabra verificadora: socia, o sea, esa receta ya es mía, ¿sale?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...