Cerca una ricetta o un ingrediente

Caricamento in corso...

martedì 14 aprile 2009

Ricottine alla piastra con timo e sale nero delle Hawaii

Benché non abbia allestito nessun pranzo di Pasqua degno di questo nome, è stata sicuramente una Pasqua all'insegna della stravaganza gastronomica.

Ieri sera, per concludere degnamente queste divagazioni culinarie (di cui prima o poi toccherà dar conto qui) e per inaugurare finalmente la mia mini riserva di sali pregiati, ho imbastito questa cenetta frugale con delle ricottine alla piastra, come avevo visto fare in un ristorante greco, condite con timo, un filo d'olio e l'aggiunta personale di sale nero delle isole Hawaii.
Era da un po' che mi chiedevo come utilizzare degnamente questo sale dall'aspetto affascinante, ci voleva qualcosa di semplice che potesse essere nobilitato da questo ingrediente raffinato e ieri sera m'è venuta l'epifania.


Del mio recentissimo colpo di fulmine per i sali pregiati, va ritenuta responsabile l'ottima Laura, donna di poche parole :-) ma di manicaretti succulenti, oltre ad essere colei che mi aprì le porte del paradiso del panforte di Siena.

Ingredienti:
ricottine monoporzione, almeno una ciascuno
un pizzico di timo
un filo d'olio extravergine
sale nero delle Hawaii (cum grano salis...)

Procedimento:
scaldate per bene una piastra antiaderente e quando sarà ben calda, appoggiateci sopra le ricottine tagliate a metà. Per tagliare una ricottina a metà serve una certa rapidità d'esecuzione nel taglio, se no rimarrà attaccata al coltello.
Fatela sfrigolare finché non si formerà una crosticina e poi giratela velocemente sotto sopra. Quando si sarà arrostita anche dall'altra parte, servirla sul piatto con una spolveratina di timo, un filo d'olio e un pizzico di sale pregiato. Ideale se consumata con pita greca.

Sarà forse per la suggestione ma con il sale nero delle Hawaii mi sono sembrate ancora più buone del solito!

6 commenti:

Laura ha detto...

Grazie!
E grazie anche per questa ricetta che mi incuriosisce molto e poi posso usare il sale nero. Ciao

Byte64 ha detto...

Non c'è di che.

Non vedo l'ora di provare il sale blu di Persia, ma devo ancora indentificare una combinazione idonea.

Anonimo ha detto...

Io utilizzo il Sale nero di Cipro in Fiocchi... quali sono le differenze con quello delle Hawaii?

Byte64 ha detto...

non saprei di preciso, tieni presente che il sale, tranne quelli aromatizzati con spezie o affumicati, sempre sale rimane, i colori sono più che altro una questione estetica ;-)

Laura ha detto...

Ciao Byte, come va?
Ho provato la tua ricetta finalmente. E' proprio una cosina simpatica da proporre. Ti ringrazio

Byte64 ha detto...

Laura,
son contento, ogni tanto la rifaccio pure io, quando c'è poca spinta per cene impegnative, questa salva sempre la situazione :-)

Ciao!
Tlaz

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...